Diagramma di Gutenberg

Diagramma che descrive lo schema generale seguito dallo sguardo quando si leggono informazioni omogenee e uniformemente distribuite.

ll diagramma di Gutenberg divide la visualizzazione in quattro quadranti: I’area ottica principale in alto a sinistra, I’area ottica finale in basso a destra, la forte area cieca in alto a destra e la debole area cieca in basso a sinistra.

In base a questo diagramma, gli occidentali iniziano a leggere a partire dal primo quadrante per poi procedere attraverso una serie di movimenti dell’occhio verso il quadrante finale. Ogni movimento inizia lungo un asse di orientamento una linea orizzontale creata da elementi allineati, linee di testo o segmenti espliciti e procede secondo una direzione che va da sinistra a destra. Le aree cieche sono esterne al percorso e ricevono scarsa attenzione salvo il caso in cui siano visivamente accentuate. La tendenza a seguire questo percorso viene metaforicamente attribuita alla forza di gravita della lettura, ossia lo schema che si forma seguendo il percorso sinistra-destra, alto-basso.

I layout che seguono questo diagramma sono in armonia con la “gravità” della lettura e offrono ai lettori un asse di orientamento logico, migliorando il ritmo e la comprensione. Ad esempio, in un layout conforme al diagramma di Gutenberg gli elementi chiave sono disposti nella parte superiore sinistra (il titolo), al centro (un’immagine) e nella parte inferiore destra (le informazioni sui contatti). ll diagramma di Gutenberg può essere utile nella creazione del layout e della composizione quando gli elementi sono uniformemente distribuiti e omogenei, o in presenza di una notevole quantità di testo; diversamente, è preferibile orientare lo sguardo utilizzando il peso e la composizione degli elementi.