Mobile First Design

Nel Mobile First Design il progetto nasce avendo in mente il dispositivo mobile come device di riferimento. In questo modo viene rovesciato l’approccio del Responsive Web Design, secondo il quale il layout viene semplificato (in un certo qual modo impoverito) per adattarsi agli schermi di uno smartphone. I vantaggi di questo approccio sono evidenti:

  • Il progetto sarà sicuramente visualizzabile in ogni dispositivo, dagli smartphone ai desktop di grandi dimensioni.
  • questo metodo si focalizza sugli gli elementi fondamentali, sia grafici che di contenuto, per poi arricchire la versione desktop.
  • pensare “in piccolo” permette di creare un sito web efficiente, veloce da caricare e focalizzato sul contenuto

Il Mobile First Design si contrappone con l’approccio più conservatore del Mobile Last design nel quale lo smartphone è visto come un “male necessario” piuttosto che il protagonista della scena. Adottando un atteggiamento pragmatico possiamo dire che oggi nella maggior parte dei casi l’approccio MLD risponde meglio alle esigenze dei clienti (in particolare quelli meno evoluti), tuttavia è indubbio che il MFD sia l’approccio che meglio guarda al futuro.

Per chi volesse approfondire questo approccio consiglio Mobile First di Luke Wroblewski, collana A Book A Part

Alcuni esempi:

Segui la bacheca Responsive Web Design di Alessandro Grassi su Pinterest.

Argomento: