3 idee insolite per promuoversi su Twitter

Twitter è di gran lunga il social network che preferisco e frequento di più. In questo post voglio riportarvi alcune delle idee che mi ronzano in testa circa la gestione del proprio account personale in modo da fare personal branding in modo insolito.

Rendi il tuo avatar interattivo

IFTTT e un po’ di olio di gomito sono gli ingredienti giusti per mettere brio al vostro avatar (dimensione consigliata 400x400px) e farlo “reagire al contesto”. Fra le action a disposizione c’è la possibilità di aggiornare il proprio avatar in base ad un numero enorme di trigger. Ad esempio potreste aggiornare la vostra espressione ogni volta che qualcuno vi cita, mettervi gli occhiali da sole quando c’è il sole o in camicia dalle 9 alle 18 e in t-shirt la domenica. Con un po’ di fantasia le possibilità sono infinite.

Gioca con il formato delle immagini embedded di Twitter

Da qualche tempo Twitter ha permesso ai propri utenti di inserire immagini direttamente nella timeline. Questo ha trasformato lo stream dell’uccellino blu in un luogo affollato di meme, prime colazioni e amenità varie. Un post contenente una singola immagine è visibile in tre modalità: nello stream principale, nel tweet espanso e nella foto espansa. La dimensione consigliata per le immagini è di 1024X512px, questo formato, benché ben si adatti a tutte e tre le visualizzazioni, in realtà limita fortemente l’interazione. Chi vede le nostre foto alte 512px non ha bisogno di espandere il tweet, viceversa usare formati diversi ci permette di “prendere il controllo” dell’interazione. Ad esempio usare il formato 1024x1024px genera una miniatura che visualizza la parte centrale dell’immagine (una porzione di 512 px che lascia nascosti due lembi equidistanti di 256px). Sicuramente il formato più interessante è 1024X1536, questa dimensione ci mette a disposizione 3 porzioni da 512px. In questo caso la porzione mostrata sarà la prima, rendendo il format particolarmente prezioso per il visual storytelling. Canva è indubbiamente lo strumento ideale per creare immagini di questo genere grazie ai formati custom e ai template predefiniti.

Metti un BOT a gestire il tuo brand quando hai altro da fare

Ebbene si parliamo sempre di IFTTT e delle sue succose ricette. Twitter ha i suoi riti e la sua netiquette (tweetiquette?) per cui spesso può essere utile usare il pilota automatico. Inviare tweet ad alcune ore del giorno prefissate (caffè ed aperitivo?) può aiutare a mantenere una cadenza regolare. Il limite di questo approccio é quello di inviare sempre i medesimi tweet. Tuttavia é possibile aggirare il problema appoggiandosi ad uno script ospitato dal vostro sito che, ad esempio, generi immagini random rispetto ad un tema specifico, in modo da fornire immagini sempre nuove per un dato tweet ricorsivo.  Sempre parlando di automatismi é utile salutare ogni nuovo follower ma cerchiamo di farlo in modo creativo usando un tweet grafico personalizzato che usi il dato variabile (ad esempio la @username) per rendere unico il tweet.

Nei prossimi giorni pubblicherò tre post di approfondimento per fornire esempi pratici per ciascuna idea. Nel frattempo mi piacerebbe allungare questa lista. Qualche idea in merito?

Rispondi

Leggi articolo precedente:
Proverbio Zen

Se hai ragione non hai bisogno di gridare.

Chiudi